Rubriche

La nuova Batusa comprende due sole rubriche:

SOFFIATE

LETTERE ALLA BATUSA

La vecchia Batusa aveva queste rubriche che potete trovare spulciando nell’archivio:

SONY DSC

MATTINALE: la rassegna stampa della Batusa, con una breve analisi delle notizie che riguardano Piacenza e i piacentini e con una piccola recensione del meteo. La trovate online tutte le mattine, dal lunedì al venerdì, prima che il caffè diventi (troppo) freddo.

SOFFIATE: la vox populi, i corridoi, le voci che trapelano dai palazzi importanti. La Batusa spiffera quello sente in giro con una sola regola: condizionale obbligatorio.

NEREO: il nostro nuovo buongustaio in doppiopetto, Nerio Trabelli, recensisce ristoranti di lusso e bettole di periferia, con particolare attenzione allo spreco o alla mancanza di carta igienica nel cesso.

PIACENTINS: La popolazione dei piacentini a Londra è pari a quella di Mucinasso. Ogni mercoledì la nostra inviata dalla City vi spiega che cosa fanno, come vivono, che cosa bevono e quanti soldi spendono prima di tornare a Piacenza.

IL FIGLIO DEL DEMANIO: Il direttore dell’agenzia del Demanio, Roberto Reggi, ogni venerdì scrive al sindaco Paolo Dosi per sapere che cosa accade a Piacenza e per parlargli dei grandi temi universali affrontati a Roma.

CIAO BOMBER: gli aperitivi con la divisa ufficiale della squadra, le creste, i calzoni della tuta infilati nei calzettoni: il magico mondo del calcio dilettanti nella rubrica “Ciao bomber”, tra colpi di tacco e fantasia al potere.

LETTERE ALLA BATUSA: forse ci hanno scambiato per il Cioè, ma già che ci siamo ogni sabato rispondiamo alle vostre lettere piene di rotture esistenziali e amori banali.

IL SABATO LEONI: chi l’ha detto che alla sera a Piacenza non c’è niente da fare? Ogni martedì prendiamo da internet e dai social network le migliori fotografie scattate nei locali piacentini durante il week end, tra ciuffi ingellati e bottiglioni di vodka Absolut.

W LA PASSERINI: La nostra talpa da biblioteca osserva i comportamenti degli studenti alle prese col diritto romano e la filosofia di Kant. Qualcuno di loro va addirittura in biblioteca per studiare e non per provarci con le ragazze.

VACCA AL TRENO: Quella del pendolare è una vita dura. I treni fatiscenti, il posto che non c’è mai, i cinesi coi piedi nudi sul sedile di fronte. E poi quella voce, la solita: “Trenitalia si scusa per il ritardo”.

Share

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi